I migliori ETF sui dividendi e come investire in essi

Un ETF sui dividendi è un fondo che investe esclusivamente in società che pagano dividendi. Scopri di più su come investire in ETF sui dividendi con questi consigli di Bankrate.

Per le aziende pubbliche, uno dei modi più semplici per comunicare la stabilità finanziaria agli azionisti è attraverso il pagamento di dividendi in contanti. Le aziende più affermate spesso condividono una parte dei loro profitti con gli investitori, ricompensandoli con dividendi in contanti. Per gli investitori, i dividendi forniscono un flusso costante di reddito passivo.

Possedere società che pagano dividendi attraverso i fondi negoziati in borsa (ETF) può essere molto efficiente. Un ETF sui dividendi è un fondo che investe esclusivamente in società che pagano dividendi. I gestori del fondo selezionano queste società sulla base di attributi specifici come le dimensioni, il settore, la regione geografica e la storia dei dividendi. Poi le raggruppano in un paniere di partecipazioni che rappresenta una categoria di investimento come “aristocratici dei dividendi.”

Una volta che selezioni uno stile di investimento sui dividendi, ogni partecipazione in quell’ETF avrà un profilo simile.

Per esempio, supponiamo che tu scelga un fondo che investe solo in società a grande capitalizzazione con una storia di dividendi costanti. In questo caso, un gestore di fondi non può deviare da quella strategia di investimento. Questo principio è importante perché lo stile di investimento che sceglierai determinerà i vari gradi di rischio e i potenziali ritorni.

The World's most trusted place to buy and sell cryptocurrency Get $10 in free Bitcoin for singing up. Sign up and get $10

Per gli investitori al dettaglio, gli ETF sono convenienti perché forniscono una diversificazione istantanea a basso costo. Questo beneficio aggiunto rende gli ETF sui dividendi attraenti per i partecipanti al mercato, specialmente quando la scelta delle azioni richiede un certo livello di conoscenza degli investimenti.

I migliori ETF sui dividendi

Qui sotto ci sono alcuni degli ETF sui dividendi più diffusi sul mercato.

Vanguard Dividend Appreciation ETF (VIG)

VIG segue la performance dell’indice NASDAQ U.S. Dividend Achievers Select. La strategia d’investimento si concentra sulla crescita dei dividendi, selezionando società che hanno costantemente aumentato i pagamenti dei dividendi per almeno un decennio.

Rendimento dei dividendi del fondo: 1,7 per cento

Le migliori partecipazioni: Microsoft (MSFT), JPMorgan Chase (JPM) e Johnson & Johnson (JNJ)

Expense ratio: 0.06 per cento

Attivi in gestione: ~$62 miliardi

Vanguard High Dividend Yield ETF (VYM)

VYM segue la performance dell’indice FTSE High Dividend Yield. L’indice seleziona società che pagano dividendi ad alto rendimento con sede negli Stati Uniti, escludendo i REIT (real estate investment trusts).

Rendimento dei dividendi del fondo: 2,8 per cento

Le migliori partecipazioni: JPMorgan Chase (JPM), Johnson & Johnson e Home Depot (HD)

Expense ratio: 0,06 per cento

Attivi in gestione: ~$39 miliardi

SPDR S&P Dividend ETF (SDY)

SDY segue la performance dell’indice S&P High Yield Dividend Aristocrats. L’indice seleziona le società che hanno costantemente aumentato i pagamenti dei dividendi per almeno 20 anni consecutivi.

Rendimento dei dividendi del fondo: 2,6 per cento

Le migliori partecipazioni: AT&T (T), Exxon Mobil (XOM) e Chevron (CVX)

Expense ratio: 0,35 per cento

Attivi in gestione: ~$19 miliardi

iShares Select Dividend ETF (DVY)

DVY traccia la performance del Dow Jones Select Dividend Index. L’indice seleziona società ad alto rendimento da dividendi - circa 100 - con sede negli Stati Uniti.

Rendimento dei dividendi del fondo: 3,3 per cento

Le migliori partecipazioni: Altria Group (MO), ONEOK (OKE) e AT&T (T)

Expense ratio: 0,38 per cento

Attivi in gestione: ~$18 miliardi

ProShares S&P 500 Dividend Aristocrats ETF (NOBL)

NOBL segue la performance dell’indice S&P 500 Dividend Aristocrats. L’indice seleziona le multinazionali con una storia di aumento dei dividendi per almeno 25 anni, e alcune di esse lo fanno da più di 40 anni.

Rendimento dei dividendi del fondo: 2,0 per cento

Le migliori partecipazioni: Nucor (NUE), Albemarle (ALB) e West Pharmaceutical Services (WST)

Expense ratio: 0,35 per cento

Attivi in gestione: ~$9 miliardi

Come funzionano i dividendi

I pagamenti dei dividendi sono di solito emessi agli azionisti ogni trimestre, anche se, in alcuni casi, ci possono essere dividendi speciali che agiscono come bonus una tantum. Per avere diritto ad un dividendo imminente, un azionista deve possedere le azioni di una società fino a quella che è conosciuta come la data di stacco del dividendo.

Gli investitori prestano particolare attenzione al rendimento dei dividendi, evidenziando quanto una società o un fondo paga in relazione al prezzo delle sue azioni. Il rendimento dei dividendi viene calcolato prendendo il pagamento annuale del dividendo e dividendolo per il prezzo delle azioni. Il rendimento viene mostrato come percentuale. I rendimenti possono essere calcolati in base ai pagamenti effettuati nell’ultimo anno o ai pagamenti previsti per il prossimo anno.

Per esempio, se il pagamento del dividendo annuale di una società è di 4 dollari e il prezzo delle azioni è di 100 dollari, vedresti un rendimento del dividendo del 4% con una distribuzione trimestrale di 1 dollaro.

Per essere sicuri, un alto rendimento non significa sempre una solida opportunità di investimento. Infatti, molti investitori vedono i rendimenti più alti come una bandiera rossa in quanto le azioni di una società potrebbero aver subito un colpo, causando un aumento dei rendimenti. O, forse, una società potrebbe cercare di attirare gli investitori con alti rendimenti.

Come regola, assicurati di guardare l’intero quadro finanziario di una società prima di investire. Il pagamento di un dividendo è solo la ciliegina sulla torta.

Come investire in ETF sui dividendi

Una solida strategia sui dividendi è una componente essenziale del portafoglio di ogni investitore. Dagli anni ‘30, i dividendi hanno rappresentato il 41% dei rendimenti totali dell’S&P 500, secondo una ricerca di Hartford Funds. E quando i dividendi vengono reinvestiti, i rendimenti sono ancora più alti, rappresentando l’84% dei rendimenti totali dello S&P dal 1970.

Intrinsecamente, l’investimento in dividendi tende ad essere meno rischioso. Le aziende in grado di emettere pagamenti regolari sono spesso più ricche di liquidità rispetto a quelle che cercano di far crescere rapidamente le loro attività. I nomi ben consolidati hanno anche una storia di aumento dei loro dividendi ogni anno e sono molto orgogliosi di farlo.

Quando si scelgono gli ETF sui dividendi, ecco quattro passi da considerare:

Come qualsiasi altro investimento, gli ETF sui dividendi sono soggetti a perdite. L’entità delle potenziali perdite è legata al livello di rischio contenuto nel portafoglio. Quindi un fondo che investe pesantemente in attività potenzialmente più rischiose come le società nei mercati emergenti avrà un profilo di rischio molto diverso da un fondo che investe in nomi affermati e collaudati. Anche i fattori macroeconomici come l’ambiente dei tassi di interesse giocano un fattore.

Gli ETF sui dividendi sono un buon investimento per te?

Un approccio d’investimento incentrato sui dividendi può avere senso per molte persone in diverse fasi della loro vita d’investimento. I dividendi possono essere un ottimo modo per costruire ricchezza nel tempo, dato che le aziende in crescita distribuiscono gli utili ai loro azionisti. I dividendi hanno senso anche per coloro che cercano di generare reddito dai loro investimenti, come quelli che hanno raggiunto l’età della pensione. Pensa sempre ai tuoi obiettivi finanziari e considera se gli ETF sui dividendi possono aiutarti a raggiungerli.

Cosa cercare in un ETF sui dividendi

Ecco alcune cose da considerare quando si sceglie un ETF sui dividendi:

Come sono tassati i dividendi?

A seconda del tipo di conto di investimento che possiedi, le distribuzioni di dividendi sono tassate come reddito regolare o ad un tasso ridotto in base a considerazioni speciali. Queste regole si applicano solo per le partecipazioni al di fuori dei conti fiscalmente agevolati come un 401(k) o un IRA, dove non si pagano tasse sui dividendi o sulle plusvalenze.

La linea di fondo

La storia mostra che i dividendi sono stati una significativa fonte di reddito per gli investitori. Quando i pagamenti di dividendi consistenti e l’aumento del valore delle azioni sono combinati, possono essere un potente strumento di costruzione della ricchezza.

Ultimo aggiornamento il 23 maggio 2022 e ultima revisione da parte di un esperto il 4 febbraio 2022.
Condividi

Altri post che potrebbero piacerti

Le persone che stanno leggendo “I migliori ETF sui dividendi”, adorano anche questi articoli:

Sfoglia tutti gli articoli